Archivio per luglio 2009

Il contatto inopportuno…   5 comments

Uff… ‘sto rompicoglioni, che cazzo vuole ora sempre con questa richiesta di cam? Perplesso

Okay dai, una sveltina che ci ho da fare… se non accetto mi sta a trillare per tutto il pomeriggio e qui finisce che non scrivo più… Stralunato

… Ah bon! Pure le pretese ha? “Gira la cam sennò non ti vedo che hai la luce da dietro”??? We!! Pseudo architetto dei miei coglioni, pensa ad usare le lettere accentate piuttosto e qualche punto interrogativo, che mi ci vuole il Manuale delle Giovani Marmotte per capirti!! Sarcastico

… Gesussanto che discussione idiota… vado a fare merenda va’, intanto lo lascio qui a fissare la parete dietro di me… Assonnato

Hihihihi… stava in pensiero poooooverooooo!!!!!! Ci sono ci sono… Party

Eh, che mangio chiedi? Roba prelibata… Animoticon

Suvvia mo’ chiudiamo ‘sto video che qui tra tutti e due teniamo su una faccia che fa venire i vermi all’intestino! Linguaccia

Ecco, perfetto… adesso si passa alle confidenze. Un ciao e un kiss a forma di emoticon no eh? Ci deve stare la descrizione dell’atto… come no, ma soprattutto da te. Non aspettavo che te per farmi baciare, deh! Pensieroso

Oh… finalmente ha staccato… così posso tornare a scaccolarmi in pace!! A bocca aperta Sticazzi………

Pubblicato 30 luglio 2009 da nowablu in Cronache mondane

Lettera aperta.   1 comment

Caro Alessandro.

Quando a marzo decisi che la cosa migliore da fare era quella di separarmi da te tu incolpasti chiunque tranne te stesso. Mi dicesti che qualcuno era entrato a far parte della mia vita e che io improvvisamente non volevo più saperne di te. Ma la cosa non è stata così improvvisa.

In questi giorni ho riletto questo mio blog dall’inizio. Già lo feci alla fine dell’anno scorso per fare un ripulisti di tutti gli interventi sciocchini che a volte scriviamo, lasciando solo quelli più significativi e lo rifarò appena raggiungeremo la fine di quest’anno. Ma in questi giorni ho riletto tutto quanto per pura curiosità, ultimamente c’è qualcuno, o forse son più d’uno, che spulcia il mio blog fin dalle prime battute e io ho voluto vedere cosa davo a leggere a costui/costei o costoro che tornano a leggermi e che fanno volare le statistiche anche a 150 visite al giorno.

Ho letto alcuni miei interventi che neanche ricordavo più e che sono testimonianze indiscutibili che la crisi all’interno del nostro rapporto è iniziata insieme al rapporto stesso… e che non è stata mai, all’inizio almeno, colpa tua.

Se vai a rileggere “Progetti” del 15 giugno 2007 potrai già percepire il mio scontento e il fatto di aver dato a quell’intervento un titolo simile è di per sé sinonimo che nella mia mente stavano materializzandosi alcune variazioni sul tema. Ti renderai inoltre conto che il nostro rapporto era e doveva rimanere Cosa Nostra (inteso nel senso stretto della definizione, che poi ogni nucleo familiare ben affiatato dia la parvenza di organizzazione a delinquere rivolta a mamme e suocere desiderose di metter becco e non soddisfatte, questo non avrebbe dovuto minimamente tangerci) tutto il resto era contorno…

Ma non è mai stato così.

Eppure lo sapevi quanto io ero diversa dai tuoi. A cominciare dal mio vivere bene e moralmente a posto anche senza Dio. Lo sapevate tutti quanti che io non sono battezzata, che quindi non sono cristiana, per dirla in parole di tua madre lo sapevate che io sono un’infedele! Una persona da convertire… o da sfidare in una crociata.

Non avete, tu compreso e questa è la cosa che mi addolora più di tutte, vagliato una terza possibilità, quella di vivere nel rispetto delle mentalità altrui. Mi addolora perché sostanzialmente tu mi hai accettata per l’infedele che sono, ma non hai mai avuto i coglioni per zittire tua madre.

La faccenda Dio è comunque una quisquilia… che a tua madre piaccia o no, tu attualmente sei più ateo di me! Ma ti rifarai in vecchiaia… le dottrine imposte da piccoli riemergeranno sempre.

Quello che ha dato la mazzata definitiva a questo rapporto è stato il fatto di non essere mai stati unanimi in niente, di aver dato importanza a cose che l’altro non considerava neanche. E mi dispiace ammetterlo, ma anche qui buona parte l’ha avuta il contorno.

Soldi.

Ed è l’unica ragione per cui ci stiamo dividendo.

Per questa ragione non avete mai concepito, ne’ tu ne’ il tuo contorno, che io avessi deciso di dedicarmi ai miei bambini pur non percependo una maternità. Avrei dovuto trovarmi un buon lavoro, magari in Comune, come tua madre, come se oggi la situazione lavorativa fosse uguale a quella di 40 anni fa, lasciando i miei bambini alle nonne, con il latte artificiale, negando loro il piacere di poppare al mio seno, che se permetti è molto più caldo e piacevole di una fredda tettarella di caucciù. Seno dal quale sgorgava nettare di prima qualità sufficiente a sfamare altri due bambini. Avrei dovuto farmelo andar via per andare a lavorare. Ma non l’ho fatto e tu sei rimasto da solo a pagare le bollette, il mutuo e tutto il resto.

Mi sono abbruttita dal dispiacere e dallo scontento, ho fatto la madre a tempo pieno e non sembrava facessi niente. Non mi sono mai più comprata nulla, non mi hai mai portata da nessuna parte, neanche qui vicino chessò, ad una sagra di paese… perché tu avevi da pagare e quando alla fine ho potuto lasciare qualche ora i bambini per andare a lavoricchiare qua e là per 200 euro al mese hai preteso che me ne privassi per aiutarti a pagare, mentre io ho dato la precedenza al fatto che per cinque anni della mia vita sono stata notte e giorno a far da balia e governante senza percepire stipendio e per di più sopportare tutte le vostre dita puntate contro e con i miei primi soldi mi sono tolta le mie voglie represse.

Perché si da il caso che anch’io sono un essere umano.

Hai riempito la casa di barchettine, macchinine, elicotteri e aereoplani con quella tua mania del modellismo e ci hai speso l’ira d’Iddio. Per carità, i soldi son tuoi e ne fai quello che vuoi, ma se qualche volta mi proponevi di uscire a mangiarci un gelato (3 euro), tu ed io da soli, oppure andare al cinema (7.50 euro), o cogliere l’occasione dell’aniversario e andare a mangiarci una pizza (15 euro), non pensi che forse le cose sarebbero andate diversamente?

Quante cose avrei da dirti, ma forse non mi ascolteresti neanche a questo giro e continueresti a pensare che ti lascio per uno stupido amante, senza considerare che si va a cercare fuori sempre e solo ciò che non abbiamo in casa…

Pubblicato 27 luglio 2009 da nowablu in Scirocco misto a polveri fini

Le eterne domande…   Leave a comment

…Forse le uniche alle quali non so rispondermi:

 

Burka, infibulazione, cintura di castità, sottomissione, violenza sessuale, ignoranza… Come siamo arrivate a permettere tutto questo?

Chi ha permesso tutto questo?

Perché abbiamo permesso tutto questo?

Pubblicato 24 luglio 2009 da nowablu in A volte son seria

L’amante perfetta.   1 comment

Come il temporale riflesso nelliride dei miei occhi.

Come il vento che ritira la pupilla asciugata.

Come la lacrima che scende fino alle labbra.

Come le foglie che sbattono contro le mie gambe.

Come il velo che si agita intorno alla mia persona.

Come la musica che cè da sempre dentro me,

che mi fa danzare cuore, anima e corpo,

divento Sinfonia e sono grandiosa.

Non si fermerà mai la Fantasia che mi plasma

e che tiene insieme liquido, solido ed essenza dentro di me.

Come il temporale sempre si muove.

Come il temporale sempre mi muove.

Come il temporale in crescendo prendo, posseggo e rilascio.

Come il temporale sparisco.

Ma torno…

Pubblicato 21 luglio 2009 da nowablu in Scoglionamenti estemporanei

Mago “Melino” è tra noi!!!!   Leave a comment

UN GRANDISSIMO BENVENUTO AL MONDO AL PICCOLO GRIFETTO GABRIELE!!!!!!

Un abbraccio alla neo mammina e al babbo…

Adesso tutto sarà diverso… stupendamente diverso.

Tanti auguri di cuore Mela e Igor.

Pubblicato 20 luglio 2009 da nowablu in Cronache mondane

Non provarci, ti fai male…   2 comments

Io sono come il mare. Non puoi farci una buca!

Qualcuno scava? Non fa altro che provocare onde. E lunico alto e basso che concedo.

Mi ruba un secchio dacqua? Bene, ma dove lo porta? Prima o poi le infiltrazioni terrestri me lo renderanno…

Non si esaurisce il mare, è unutopia… ma se qualcuno vuol provarci, che faccia pure, il mondo è pieno di secchi da riempire!

Ma in tutta franchezza gli dico: usa il mare per rinfrescarti, per nuotare e rilassarti. Lascia stare la tua voglia di dominare quando ti immergi nelle sue acque… non potresti mai vincerlo, perché lui non ha interesse ne a farti vincere, ne a farti perdere. Sono cose a lui estranee.

Per questo è così forte.

Per questo è così superiore a te.

Ed ecco perché tu ci proverai e nei suoi abissi ti perderai, annegando come un comune, inetto, illuso mortale.

Pubblicato 19 luglio 2009 da nowablu in Scoglionamenti estemporanei

Era il 15 Luglio 2009…   Leave a comment

Non è che son pazza, ho solo bisogno di rimuginare sopra alle cose un po… e poi finisce che se son cose a cui tengo in modo particolare non trovo lo stesso le parole per descrivere le sensazioni che provo… o che ho provato.

Critiche, tante. Normale che ci fossero.

Fan, impazziti. Normale anche questo.

Pubblicità, esagerata. Ovvio.

Io… innamorata. Ovvio più che mai, sono e sempre rimarrò una sognatrice… quindi:

Harry Potter e il Principe Mezzosangue:

Colonna sonore: 10 e lode

Sceneggiatura: 10

Regia: 8 e mezzo

Cast: 9 e mezzo

Per inciso: Harry 8, Ron 8 e mezzo, Hermione 8, Draco 10, Ginny 9, Piton 10, Silente 9 e mezzo, Lavanda 10, Bellatrix 10 e lode. Ometto gli altri ma in generale il voto si aggira sull8 e mezzo.

Punto migliore: i primi due minuti e la scena del mare mosso.

Punto in cui ho fatto il balzo più alto dalla sedia: quando lanello inizia a girare sul tavolo.

Punto in cui ho pianto: quando tutti alzano la bacchetta invocando il Lumos.

Punto in cui ho riso di più: La faccia di Ron in preda al filtro damore.

 

Grazie a Jenny e a Massi per la fantastica compagnia!!

Pubblicato 17 luglio 2009 da nowablu in Cronache mondane