Archivio per novembre 2010

Uomini da dimenticare (prima parte).   1 comment

Lei: “Ma tu mi capisci?”
Lui: “cosa intendi dire?”.

Fra fidanzati bolognesi: “Caro, se tu mi amassi…”
“ Ma no che non ti amasso…”.

Dialogo tra anziani coniugi. Lui: “Allora! Chi comanda in questa casa!?”
Lei: “Io, perché?”
Lui: “ No niente… era solo una verifica…”.

”Ieri ho preso un gatto per mia moglie”
“Ah sì? Ma dimmi anche a me dove si fanno queste permute!”.

”Cara, il bambino sta piangendo”
“Non preoccuparti, vado io a cambiarlo”
“Ecco brava e fattene dare uno che rompa un po’ meno i coglioni”.

Image and video hosting by TinyPic

Pubblicato 30 novembre 2010 da nowablu in Scoglionamenti estemporanei

Gli occhi verso l’orizzonte.   3 comments

Hai presente quei giorni in cui stai davvero bene?
Soffri di mal di testa e miracolosamente non ce l’hai.
Tutti beccano l’influenza e tu neanche una caccola al naso.
Piove da una settimana, intorno c’è gente che struffia, si lamenta, accusa l’umidità e tu beata con dei capelli che sembri invasa dalle gonadotropine corioniche.
Niente ti tange e sai benissimo che entro la giornata avrai almeno altre due occasioni per sentirti ancora meglio.
Il tuo ateismo si rafforza perché sai benissimo che è solo per merito tuo se stai così, ringrazi la tua Forza e accendi un bastoncino di incenso aromatizzato, mentre alle pareti stai cambiando foto e quadri.
Piano piano intorno a te tutto sta cambiando, tutto torna ad assomigliarti e il profumo dell’incenso ti entra dentro, ti migliora i lineamenti, i toni della voce e inizi a cantare. Come facevi prima.
Prima di ciò che ti sarebbe aspettato se non avessi smesso di piangere e avessi iniziato a pensare al futuro, seppur con una punta di egoismo…

Pubblicato 12 novembre 2010 da nowablu in Scoglionamenti estemporanei

4 Novembre 1966.   2 comments

Firenze non potrà mai dimenticare.
Culla d’Arte, limbo di Sapere, salotto di mondo… Forza che lega solidarietà e umanità.
Ci furono sbagli, silenzi e l’uomo che sottovaluta troppo spesso. Troppo stupidamente.
L’Alluvione infuriò, spazzò via senza guardare. Uccise in tutti i sensi.
Ma il fiorentino è bello dentro e non si piange addosso. Vive in mezzo all’Arte e alla Sapienza e sa quello che c’è da fare, lo fa vedere e diventa irresistibile. Per questo giunsero in tanti per spalare merda e fango.
E mentre Marasco canta, un ringraziamento speciale a

gli Angeli del Fango

Pubblicato 4 novembre 2010 da nowablu in A volte son seria

Prove tecniche di trasmissione.   2 comments

Allora. Vediamo se dopo la cinquantesima volta che rileggo il commento che Paffy mi ha gentilmente lasciato nell’intervento “E’ bello…”, ci azzecco qualcosa.
A ragion di logica ci si dovrebbe vedere dei cambiamenti nel font, inoltre prima c’era una roba tipo “em”, adesso no. Quindi prima ci si dovrebbe leggere un corsivo e adesso no.
Il tutto spruzzato di “slate blue”, visto che l’esadecimale è il mio amatissimo 6A5ACD.
… Invio…

MWAHAAHAAHAA!!!! Paffy, per essere una vecchia troglodita analfabeta non sono affatto male eh?
Certo ho sudato come un cammello per cercare di decifrare il tuo consiglio, ma la caparbietà che mi distingue non avrà mai ruggine.
Otterrò sempre ciò che voglio!
Nota dolente: il “size” è troppo piccolo, devo capire come metterlo più grande in HTML, o non ci si leggerà mai un cazzo in ciò che scrivo.

Quindi vediamo un po’… adesso si dovrebbe leggere un po’ più grande, in grassetto, in slate blue e non in corsivo…
Giusto?
Se non c’è bisogno di altro dovrei anche essere riuscita ad andare a capo senza far casini.
… Sììììììì!!!!!
Adesso mi metto a studiare come si postano foto e video e poi credo di essere a cavallo! Il resto è un giochetto… e poi ho sempre Maddy e Paffy con me.

Pubblicato 2 novembre 2010 da nowablu in Cronache mondane