Archivio per dicembre 2010

Buon anno.   3 comments

Ed eccovi qui, ancora una volta a ripensare all’anno che finisce, a quello che inizierà… du’palle.
Che faccio dunque? Passo a elencare le disgrazie di questo 2010 ormai alla fine?
Mannoncipensonemmeno!!!
Anche perché queste cose sono piuttosto soggettive. Insomma io di che mi devo lamentare?
1) Ero disoccupata prima e lo sono stata anche durante questo anno, tuttavia me la sono cavata perché sono ganza dentro e fuori. Probabilmente lo sarò anche nel 2011, ma non mi preoccupo, perché in me c’è ottimismo e tanta bellezza. Mi dispiace per chi si rimira continuamente allo specchio (metafora) alla ricerca di qualcosa di imperfetto, io quel che posso fare è solo andare a migliorare ciò che ho già spaventosamente affascinante: il mio Amor Proprio.
2) Ero tristemente sposata e lui mi stava uccidendo lentamente, mi pareva che la fine non arrivasse mai e invece è arrivata. Adesso io e lui andiamo d’accordissimo! Per forza, ci si vede solo per riconsegnarci i figlioli e per passarmi l’assegno mensile. Quest’ultima è crudelmente cattiva, ma è la verità, c’è poco da indorare la pillola.
3) Non trombavo più, per rispetto al vincolo matrimoniale (perché alla fine solo di vincolo si trattava, il resto non c’era nemmeno più), mentre adesso non vedo cosa possa esserci a fermarmi.
La monogamia non fa per me, ci ho provato, ma lo sapevo da tanto di quel tempo… lo so da quando ho iniziato a scrivere storie; le mie protagoniste si dovevano ripassare mezzo pianeta prima di fermarsi e quando giungeva il momento di farle fermare mi passava l’ispirazione e mandavo in culo tutta la storia! Ma questo non deve essere un attenuante per lui e per come mi ha trattata. Stronzo è e stronzo resterà. Diciamo che Amor Proprio e mal disposizione alla monogamia hanno aiutato qualche mia decisione, ma sostanzialmente quando non ci sono lati positivi a compensare quelli negativi non si può pretendere che dopo una giornata di insulti e parti di merda io la sera allarghi le gambe.
Ma queste considerazioni hanno già riempito fin troppo il mio blog. Quindi che altro dire? La fame nel mondo? Le guerre? Le carestie, gli scompensi meteorologici, ragazzine scomparse, quel cazzinculo di Berlusconi? Ce ne dobbiamo fare una ragione, le cose non miglioreranno, quindi Buon Anno a tutti e teniamo gli occhi aperti!

Pubblicato 31 dicembre 2010 da nowablu in Scirocco misto a polveri fini

Il lunedì del villaggio.   2 comments

Ore 7.00: Dopo aver piovigginato tutta la notte, dopo che i cinque centimetri di neve battuta sulla strada si sono trasformati in una pappa grigiognola, passa il dannato spazzaneve. Morale della favola tutto lo schifo che era sulla strada mi viene scaraventato nell’androne d’entrata di casa, chiuso solo da un cancelletto senza vetri.
Ore 7.15: agguantata una pala in giardino e motivata da una furia cieca simile a un impeto omicida, spalo tutto quel vomito molliccio nuovamente dov’era e cioè per strada!
Ore 7.20: passa lo spazzaneve dall’altra corsia e si sente offeso… mi suona il campanello.
“Signora, le pare questo il modo di fare?” Io, tranquillissima come l’ormai famoso Norman Bates di Psyco. “Direi di sì, la neve sta meglio fuori che dentro casa mia”, “Ma questo non è rispetto!!”, “Perché lo è forse questo?” Ribatto io indicando il fradiciume glaciale che io e solo io dovrò tirare via con lo straccio. “E secondo lei dove la dovevo buttare?”, “Non vi si è visti per due giorni, a questo punto facevate più meglio figura se continuavate a non farvi vedere… per quel che la riguarda si sarebbe risparmiato questa figura di merda.” Gli sorrido con aria da psicopatica. “Lei non può intralciare…” “Mi ascolti bene buon’uomo (e qui non poteva non incazzarsi per la mia persistente tranquillità), non mi terrò questo schifo in casa e questo è un dato di fatto inderogabile. Un altro dato di fatto è che io sono disoccupata e non ci ho un cazzo da fare, quindi posso anche star qui a giocare a palle di neve con lei… prima o poi arriverà il disgelo, no?”
Erano le ore 7.35 quando il tizio se ne andava berciando che mi avrebbe fatta convocare dai carabinieri.
Vi terrò informati…

Pubblicato 20 dicembre 2010 da nowablu in Scirocco misto a polveri fini

Questione di QI.   3 comments

Venerdì 17 Dicembre… Firenze: 45 centimetri di neve, -3°, nevica ancora… Strade bloccate.
Ore 16,30: Dicomano-Scandicci (50 km circa) in 5 ore e mezzo! I miei figlioli chiusi in macchina con quel morto vivente del loro babbo fino alle 10 di sera, cena saltata e io in fibrillazione…
A parte che oggi non era proprio il caso di mettersi in marcia, ma si sa, ormai lo avrete capito che “lui” pensa solo al proprio corpo e vuoi mettere andarsene dalla mammina piuttosto che restarsene a casa al caldo? Avrebbe dovuto sbattezzarsi a far da mangiare, tenere buoni i figlioli, farli mangiare… in questo modo li sgancia a su’ mà e lui può fare i cazzi suoi.
Ma a che prezzo, poveri piccini…
Me li sono immaginati 5 ore e mezzo a sedere in macchina con quel cazzo di Radio Blu fissa accesa che dà tremila pubblicità e mezzo minuto di canzoni. Ma vuoi mettere, Radio Blu è la radio della Fiorentina e se non si sente perfino quante volte hanno scorreggiato i giocatori non siamo contenti! Figuriamoci oggi che avranno detto di questo cataclisma meteorologico (annunciato per altro, quindi che cazzo ti metti in marcia con un tempo così, imbecille!?), l’Artemio Franchi completamente inagibile, ma tanto checcifregava, visto che la partita era stata rinviata perché l’Inter ha da fare una roba per Club… o quel che è…
Sinceramente tutto ‘sto casino a me non interessa affatto. Io preferisco le mie canottierine e il sol leone che mi fa metabolizzare taaaanta vitamina D.
Vaffanculo!
Meglio questo font, Maddy? Image and video hosting by TinyPic

Pubblicato 17 dicembre 2010 da nowablu in Scirocco misto a polveri fini

E’ un po’ come la magia…   1 comment

Facciamo che mi rimangio tutto ciò che ho detto nell’intervento precedente.
Restando fermo il fatto che qui e non solo qui, io sono in continuo movimento (altrimenti non mi rispecchierei così tanto nell’universo), non potevo sopportare una situazione come quella precedente e infatti ho ricambiato tutto un’altra volta…
… O per meglio dire, l’ho fatto cambiare alla Maddy.
Ero davvero caduta in uno stato di depressione totale e stavo per mollare tutto l’arsenale, Maddy, che non è la prima volta che mi ripiglia sull’orlo del baratro per i capelli, mi ha trovato una soluzione che per dirla tutta mi soddisfa e mi dà modo di cambiare e manifestare le mie continue e talvolta repentine evoluzioni.
Ci sono cose che rimarranno fisse per sempre e altre che cambieranno più o meno rapidamente. Ma sto invecchiando e prima o poi dovrò pure calmarmi.
Non che nutra grosse speranze in proposito, il carattere è una di quelle cose che non si cambiano e l’indole ad essere irrequieta perché perennemente alla ricerca di qualcosa che non ho capito ancora cosa possa essere, non mi permetterà di “sedermi” tanto presto.
Comprendo che non mi si sta dietro facilmente, neanche i figli che son giovanissimi e pieni di forza ci riescono (“Mamma, ma perché parli da sola?”, “Perché sto creando…”, Un tuo libro?”, “Per la verità sto pensando a cenare con una roba alternativa…”… lieve linea di terrore negli occhi del pargolo!). Cioè se vuoi stare con me devi essere pronto a gettarti nel vuoto da un momento all’altro, se non te la senti frequentami senza impegni e non innamorarti di me perché verresti comunque abbandonato a te stesso a prescindere dalle tue lacrime di disperazione.
Non accetterò mai lacci e briglie, sono come Spirit, cavallo selvaggio.
Penserai di avermi incatenata, ma non abbassare mai la guardia, perché una mattina potresti alzarti e non trovarmi più. Perché l’aria che si respira nella prateria nella tua stalla non c’era.

Pubblicato 16 dicembre 2010 da nowablu in Scirocco misto a polveri fini

Tipo Homer sul divano…   2 comments

Senza alcun rimpianto cambio il “vestitino” a questo nuovo blog. Fino alla fine dell’ennesimo, gozzovigliante periodo natalizio in corso vi godrete gli alberelli innevati su sfondo rosso.
Perché?
Deve esserci un perché?
Per la verità c’è: non trovo un tema che mi soddisfi. Ammettiamolo, non c’è molta libertà d’azioni.
Più che altro sono gli sfondi che sono dozzinali e noiosi. Tipo dopo due giorni mi son già venuti a noia.
Questo blog non mi rispecchia, a cominciare da quest’ultima scenetta patetica e mielosa, che niente ha a che fare con l’interesse che provo verso queste fiere di finta bontà.
Rimpiangerò per sempre LiveSpace e se in futuro verrà fuori un altro dominio su cui appoggiare il mio blog sarò la prima a migrare da questa landa di “bianco cessbook”.
Oddio, un momento, non tutti gli sfondi sono “bianco cessbook”, c’è un freddo grigino graffiato di nero, un rosina cazzo infiammato con fiorellini stilizzati (che per la verità credo sia il più simpatico, ma va bene per le tredicenni), un verdognolo dalla tonalità inquietante… ma che tristezza quei moduli squadrati e quei font…
Poi ho una curiosità: perché alcuni moduli non sono a pagina intera? Tipo che c’entra mettere due colonne strette striminzite e ai lati un vuoto inutile e non usufruibile?
A tutto ci si fa l’abitudine?
Bella scusa e io in quanto io non valgo nulla?
Per adesso ecco a voi abeti e tamarrate varie, non mi arrendo e non mi piego. Sto solo covando in silenzio.

Pubblicato 12 dicembre 2010 da nowablu in Scoglionamenti estemporanei

Infingardo creasi…   2 comments

E’ strano e anche un po’ ingiusto, che quando sto bene non abbia nulla da scrivere.
Se lascio qui solo tristezze si potrebbe pensare che mi girano sempre male! Non è mica vero… Ghghgh!!!!!
Però è ormai una cosa di indubbia conferma: se sto bene non scrivo (nel blog almeno).
Beh, anche il romanzo è un po’ stazionato lì… sono ad un punto cruciale e ho tre diversi finali. Vabe’ uno l’ho già scartato, quindi ne rimangono due. Insomma a chi faccio fare il vero cattivo?
A seconda del personaggio a cui farò fare l’“infingardo” (ogni riferimento a persone reali è voluto a bestia e con atroce cattiveria, MWAHAAHAAHAA!!) dovrò iniziare a profilare qualche indizio che devii il lettore, perché siccome è una storia “per niente tranquilla”, non posso certo semplificare il finale, tantomeno le battute subito prima, altrimenti la sorpresina succulenta che scriverò non prima delle ultime tre righe, va a farsi benedire.
Ma in definitiva sto d’incanto.…
E mi fanno un male bestiale le gambe, bastardo! Hihihihi!!!!

Pubblicato 9 dicembre 2010 da nowablu in Scirocco misto a polveri fini