Archivio per la categoria ‘A volte son seria

L’eterna Norma dei sogni.   Leave a comment

Il 5 Agosto 1962, precisamente cinquant’anni fa, moriva Marilyn Monroe.
Tante cose son state dette su questa improvvisa, incredibile morte. Ci hanno ricamato talmente tanto sopra che alla fine ogni giustificazione apparve improvvisamente plausibile.
Io non intendo criticare, ne’ tantomeno boicottare nessuna di queste. Mi sono fatta la mia idea e quale questa sia a voi non deve fregare un cazzo.
Questo intervento voleva solo soffermarsi su questa persona: Norma Jeane di cognome e padre incerti. A volte la chiamavano Mortenson, a volte Baker, cresciuta tra un orfanotrofio e un affidamento, tra una prozia menefreghista e un tutore violento e becero. Marilyn si tirò fuori dalla mediocrità con le sue sole forze, con nemmeno un dollaro e con il fisico che si ritrovava.
Soffermiamoci sulla quart’ultima parola per un istante, “fisico” e guardiamo questa splendida creatura, talmente naturale e perfetta che come lei non ne sono rinate… e nemmeno sono stati capaci di rifare.
Marilyn, all’età di vent’anni, subì una piccola operazione al naso, soffriva di sinusite e il chirurgo rimpicciolì, gratuitamente, le dimensioni delle narici dell’allora ancora Norma, giustificando poi il suo atto con un “un piccolo omaggio, una bellezza così non l’avevo mai vista…”. Per il resto colei che diventò la bellissima, irripetibile, Marilyn Monroe era assolutamente naturale.

Oggi le dive, o coloro che vorrebbero diventarlo, non si affacciano al mondo dello spettacolo se prima non hanno fatto vari ritocchi qua e là.
A vent’anni son sufficienti dei ritocchi, a quaranta si chiamano interventi, a sessanta si chiamano violenze (nei confronti di chi le guarda, non certo di chi se le fa!). E’ anche vero che a Marilyn, la possibilità di arrivare a quarant’anni non è stata data e probabilmente oggi, a 86 anni, avrebbe ella stessa, durante la sua carriera, abbracciato la religione del bisturi e del botulino, ma quante delle dive odierne possono vantare a 36 anni di essere fatte solo di carne?
Labbra, poppe, zigomi, culi, impianti capillari, peli di fica (sapete com’è, dopo i 65 pare inizi a spelacchiarsi…), cosa di tutto questo che ci è dato vedere sarà originale?Io continuo a credere che se a distanza di cinquant’anni dalla sua morte, Marilyn continui a far girare uomini e donne “quando passa”, è proprio perché era naturale…

Image and video hosting by TinyPic

E per essere cattiva fino in fondo ecco due quasi coetanee a confronto.

Image and video hosting by TinyPic

Sandra è più giovane di Angela di circa 7 anni. Sicuri che con tutti quegli interventi lo dimostri ancora?

Annunci

Pubblicato 5 agosto 2012 da nowablu in A volte son seria

Brindisi…   2 comments

Image and video hosting by TinyPic

Tolleranza zero.

Pubblicato 19 maggio 2012 da nowablu in A volte son seria

Per dimagrire ci vuole cervello!   Leave a comment

Image and video hosting by TinyPic

Di una cosa vi pregherei, prima di procedere nella lettura e soprattutto nella visione di questo intervento:
NON DATE MERITI ALCUNI A PHOTOSHOP! Ogni persona riportata qui è già morta, o lo starà per fare inesorabilmente, quindi abbiate un po’ di rispetto e soprattutto abbiate senso della realtà!

Perché questo intervento ad un soffio dalla prova costume?
Perché sono un pezzo di merda! Ecco perché.
Sono una bastarda che porta la 44 e a volte dura fatica ad entrarci, ma sono bella… eccome se lo sono! Sono bella perché sorrido, perché ho vitalità, resistenza, fiato da vendere e le tue mani, uomo, potranno affondare su un pancino morbido e rotondo… ogni cosa mia è rotonda. L’unica cosa spigolosa che ho è ‘sto viziaccio di dire in faccia la verità.
E adesso una domanda:
Quale di queste due donne è la tua donna ideale?

Image and video hosting by TinyPic

Lo sto chiedendo anche a te, lettrice femmina, sempre ammesso ti sia rimasto il fiato di dire qualcosa…
Occhi per continuare a leggere te ne sono rimasti? Bene, andiamo avanti.
Quando si arriva a questi limiti il Desiderio di dimagrire, che va sempre ponderato con criterio, è ormai diventato Ossessione, poi si trasforma senza preavviso in Malattia e poi in Morte.
Premettendo che se pesi 120 chili hai pure le tue buone ragioni per desiderare di snellirti un po’, va visto se raggiungendo i 70, 65, 60… 50 chili, il bisogno persiste ancora.
Facciamoci un po’ di cazzi miei, giusto per fare un esempio e guardatemi bene (se cliccate sull’immagine della fotocamera, a sinistra, entrerete tra alcune mie foto senza vestiti indosso). Io sono alta 1 metro e 65 e peso intorno ai 60-65 chili. La tizia ritratta subito sotto era alta quanto me, ma ne pesava 31 ed è morta:

Image and video hosting by TinyPic

Era una indossatrice, una cioè di quelle donne che dovrebbero essere un modello estetico.
No grazie, mi garbo così e me ne sbatto se i vestiti delle passerelle non mi donano, faccio così schifo con un paio di jeans e la canottierina che lascia intravedere il balconcino? Io almeno le tette ce l’ho!
Ma di chi è la colpa per tutto questo scempio?
Eh… la colpa morì fanciulla, cari miei… a volte se la becca il Sistema, a volte le madri, a volte la Moda, a volte la caparbietà con cui ci si accanisce sulle cose. Quante colpe si vedono fioccare leggendo certi articoli sull’anoressia, bulimia, blablabla… per questo ognuno di questi “incolpati” insistono nei loro propositi, ma tanto di cappello a chi, come la modella subito sotto, si sforza di mostrare un altro tipo bellezza:

Image and video hosting by TinyPic

Via i chili, via il sorriso…

Image and video hosting by TinyPic

Ma basta parole, basta con queste bellezze grassocce e godiamoci gli ultimi scatti della bellezza che vorrebbero imporci, oltre agli ultimi scatti di vita di queste poveracce:

Image and video hosting by TinyPic

Buona prova del costume a tutti.

Pubblicato 15 maggio 2012 da nowablu in A volte son seria

I nodi al pettine…   Leave a comment

Quando ci ritroviamo i capelli aggrovigliati, dobbiamo avere la pazienza di districarli, anche se fa male. Facile sarebbe raderci, ma non è costruttivo, perché rimarremmo pelati e senza aver imparato niente.

Questo articolo lo ha scritto un blogger di Libero, Eugenio.

Ho il suo permesso per riportarlo sul mio e lo farò integralmente in tutte le sue parti.

!

Questo all’indomani della scomparsa dei partiti di Andreotti e Craxi la mafia si ritrova senza protezione politica, nasce quindi per la mafia il bisogno di creare un nuovo partito, e che fosse vincente, e affinchè ciò si realizzasse bisognava trovare un personaggio che da un lato sia uno di loro e dall’altro lato sia uno molto popolare, in modo da garantire il successo politico, e la mafia identifica questo personaggio nella figura di Silvio Berlusconi. C’è però un problema, un grosso problema, perchè dato che è titolare di svariate attività economiche, imprenditoriali, di possesso di mezzi di informazione ecc. Silvio Berlusconi non può fare il deputato poichè si scatenerebbe un enorme conflitto di interessi.
Per obbligare l’Italia ad accettare Silvio Berlusconi nonostante il suo enorme conflitto di interessi, la mafia decide di ricattare lo stato, e lo fa non solo continuando ad uccidere i servitori dello stato, Falcone, Borsellino ecc. ma anche cominciando a mettere bombe nelle principali città italiane. Ecco la cronistoria di quegli anni:

Data

Attentato

Luogo

Vittime

12 marzo 1992

Omicidio di Salvo Lima

Mondello (Palermo)

1

23 maggio 1992

Strage di Capaci

Capaci

5 (tra cui Giovanni Falcone)

19 luglio 1992

Strage di via d’Amelio

Palermo

6 (tra cui Paolo Borsellino)

14 maggio 1993

Fallito attentato di via Fauro

Roma

Nessuna vittima

27 maggio 1993

Strage di via dei Georgofili

Firenze

5

27 luglio 1993

Strage di via Palestro

Milano

5

28 luglio 1993

Bomba a San Giovanni in Laterano

Roma

Nessuna vittima

28 luglio 1993

Bomba a San Giorgio in Velabro

Roma

Nessuna vittima

31 ottobre 1993

Fallito attentato allo Stadio Olimpico

Roma

Nessuna vittima

14 aprile 1994

Fallito attentato a Totuccio Contorno

Formello (Roma)

Nessuna vittima

Dopo il fallito attentato allo stadio Olimpico di Roma, dove sarebbero potute morire migliaia di persone, lo stato cede, e consente l’entrata in politica di Silvio Berlusconi nonostante fosse anticostituzionale. La mafia quindi incarica Marcello Dell’Utri di formare il partito Forza Italia, e il resto è storia nota.

Un grazie a E863410 per la gentile concessione del suo articolo.

Pubblicato 14 marzo 2012 da nowablu in A volte son seria

Per qualche dollaro in più.   4 comments

Credevo che con la legge sull’ombra sul suolo pubblico, in Italia si fosse raggiunto il massimo di ridicolezza consentita (e poco tollerata).
Mi sbagliavo…


Questo argomento avrei voluto affrontarlo ieri sera, ma ero troppo in preda ad attacchi di ridarella isterica e non sarebbe venuto fuori un discorso leggibile e comprensibile:
Se i tuoi figli hanno il Nintendo DEVI pagare il canone RAI.


Già… spieghiamo il perché:
Nel lontano 1938 una legge molto lungimirante decise che chiunque avesse un apparecchio ATTO o ADATTABILE alla ricezione radiotelevisiva avrebbe dovuto pagare il suddetto canone. E finché si trattava del 1938 poteva anche essere valida, ma anche nel 1950, periodo in cui la TV iniziò a prender campo nelle case degli italiani. Cos’era la televisione? Uno schermo con dietro un tubo catodico, tramite cui vedere immagini. Quali potevano essere altri apparecchi che potevano rendere lo stesso servizio? Un’altro tubo catodico e uno schermo, fatti in casa, ma con la stessa funzionalità.
Ma poi la tecnologia è andata avanti… e la legge è rimasta la stessa.
Ora le televisioni sono schermi LCD o al plasma, una serie di integrati, una scheda audio, una video e altre menate di cui non conosco ne’ nome ne’ funzionalità nello specifico, ma che tutto nell’insieme diventano ELETTRODOMESTICO ATTO ALLA RICEZIONE degli impulsi televisivi, che nella fattispecie sono diventati tutti a tecnologia digitale.
Morale della favola è uno schermo tal quale quello del mio computer!
Ma non solo…
E’ uno schermo come quello del mio telefonino, che è di ultima generazione, come quello del Nintendo dei miei figli, e… udite udite… come quello del mio videocitofono!!!


Ed ecco che moltissimi uffici si son visti recapitare un bollettino di 200 e passa euro per il pagamento del canone RAI per il semplice fatto che al loro interno ci sono dei computer…
“Ma qui stiamo lavorando, i pc ci servono per lavorare!”
… Vero, ma sono apparecchi che POTREBBERO captare impulsi radiotelevisivi.

In definitiva il CANONE RAI è diventata una patetica TASSA SULL’INTENZIONE PRESUNTA! O almeno è ciò che vorrebbero fare.


Io non ho TV, non ho antenna e questo l’ho sempre detto con orgoglio, però ho un telefonino, ho un computer e ho una connessione internet che già pago.
Ho anche molto senso critico e forza di volontà e veramente poco da perdere. Non credo che riusciranno a piegarmi a questa “LADRATA SALVA ITALIA”, non è una questione di 120 euro in più o in meno, è una questione di principio.
Il PRINCIPIO, cioè quel valore aggiunto alla VITA di ogni essere vivente, che fa sì che la propria dignità e la propria volontà non debbano essere continuamente calpestati da REGI DECRETI obsoleti et similia.
Cosa ne potevano sapere nel 1938 di cellulari e videogiochi?
Per quel che il mondo sa di me, potrei benissimo essere in grado di adattare alla ricezione televisiva persino il mio frigorifero!
O il sifone del mio sciacquone!
L’orologio a cucù di mia nonna!
… La rete del letto…

 

Siamo già sulla bocca di tutti, cerchiamo di non renderci ulteriormente ridicoli.
Per favore.

Pubblicato 20 febbraio 2012 da nowablu in A volte son seria

Niente da aggiungere…   2 comments

Image and video hosting by TinyPic

Lunedì, 23 Gennaio 2012 molti siti si staccheranno per 24 ore, in segno di protesta e solidarietà.
Lo farò anch’io.
Anch’io staccherò da internet, tuttavia il mio sarà solo un gesto simbolico, come mettere una candela alla finestra durante un lutto per qualcosa di tragico accaduto a migliaia di chilometri da casa mia. Il fatto che non mi vediate per un’intera giornata, che spenga il pc, il modem, non vi cambierà i ritmi, come immagino farà Google, o Facebook, o altri siti grossi.
La mia è una scorreggia, ma sai che puzzo se scorreggiassimo tutti insieme!?

Altro che buco nell’ozono…
(Se dessi di merdaioli a quelli dell’FBI quanti anni di galera mi darebbero?)

Pubblicato 21 gennaio 2012 da nowablu in A volte son seria

La Terra deve morire.   2 comments

Siamo proprio degli stronzi. Troppo grassi ancora, grassi e faticoni.
Ci sta bene! Ci sta proprio bene… abbiamo tanto fiato per chiacchierare e poca voglia di fare.
Che popolo di rintronate marionette.
Che schifo sto provando ed è inutile che sogni di andarmene… andarmene dove? Questa palla del cazzo farà bene a collassare il prima possibile… Sarebbe una liberazione per tutti quegli alieni che staranno facendo gli scongiuri perché non si scopra il modo di volare al di fuori del nostro Sistema Solare.
Sarebbe la loro fine…

Pubblicato 1 dicembre 2011 da nowablu in A volte son seria